Quali alimenti fanno bene alla prostata?

È risaputo che la prostatite è una malattia difficile da curare. I pazienti possono assumere diversi tipi di antibiotici, provare diversi esercizi e anche cadere nella trappola di pensare che sia un problema psicologico – ma tutto invano. Ad un certo punto, ci si potrebbe pure ritrovare a cercare su google cose come "la zuppa di broccoli fa bene alla prostata" o "i pomodori possono ridurre le probabilità di cancro alla prostata".

Ma prima di iniziare ad abbuffarsi di tè verde per ridurre le dimensioni della prostata, è bene sapere che la prostatite può essere curata radicalmente solo attraverso un protocollo di trattamento specializzato che mira a sradicare completamente la radice del problema, cioè i batteri. Una visita specialistica è la base di partenza: pensare di poter risolvere il problema senza prima aver preso un appuntamento da uno specialista è davvero impensabile in quanto non si tratta di un disturbo che può essere preso sotto gamba.

Questo significa che non c'è correlazione tra cibo e salute della prostata? C'è assolutamente. E’ bene però chiarire sin da subito che anche seguendo una dieta che mira ad alleviare i sintomi della prostatite non è possibile curare la prostatite. Come è bene sottolineare è la terapia farmacologica a dover essere innanzitutto messa in atto. Dopo di che è innegabile che una buona dieta può sicuramente aiutare a:

  • Ridurre la sua velocità di deterioramento.
  • Ridurre le irritazioni e alleviare i sintomi.
  • Contribuire ad accelerare il suo trattamento.

 

Alimenti che aiutano con la prostatite

  1. Proteine di alta qualità: le proteine di alta qualità provenienti da fonti vegetali possono aiutare a ridurre il rischio di cancro alla prostata.
  2. Acidi grassi omega-3: è stato dimostrato che gli oli di pesce e altri grassi sani riducono l'infiammazione. Inoltre, aiutano la salute generale e la qualità della vita.
  3. Verdure crocifere: le verdure crocifere come broccoli, cavolfiori, cavoli ecc. sono note da tempo per ridurre le possibilità di infiammazione e proliferazione cellulare anomala.
  4. Frutta amica della prostata: alcuni frutti contengono grandi quantità di fruttosio, e quindi non sono adatti se il paziente vuole sbarazzarsi di un'infiammazione alla prostata. Tuttavia, ci sono frutti come mele, pere, bacche, ananas e pompelmo che contengono nutrienti che possono effettivamente aiutare a combattere la prostatite.

 

Cibi da evitare con la prostatite

  1. Zucchero: prima di tutto, il paziente deve evitare gli zuccheri. Non solo questo migliorerà la salute generale del paziente, ma gli zuccheri agiscono anche come un amplificatore della resistenza e della moltiplicazione dei microbi.
  2. Caffeina: la caffeina provoca spasmi del diaframma urogenitale e dello strato muscolare della vescica urinaria. In termini semplici, questo crea sintomi irritativi quando i pazienti hanno una prostatite cronica.
  3. Cibo piccante: i cibi piccanti aumentano le infiammazioni esistenti nella prostata e quindi intensificano i sintomi. Sintomi come il dolore pelvico, dorsale o perineale e il bruciore durante la minzione sono particolarmente accentuati.
  4. Alcool: l'alcol aumenta l'edema infiammatorio e scatena la reazione dolorosa dei nervi strangolati, che sono presenti nei pazienti con prostatite cronica.
  5. Carne rossa, lavorata o in scatola: la carne rossa, lavorata o in scatola può far proliferare la generazione di cellule che porta all'ipertrofia e all'iperplasia della prostata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *